Vuoi rivestire le pareti del tuo bagno o semplicemente dare un po’ di movimento con un mosaico a Trento?

Per abbellire il bagno sta tornando di moda il mosaico da usare come fascia o come rivestimento del box doccia.
Il mercato offre diversi tipi di mosaico tra cui scegliere, i più economici sono i mosaici realizzati con la pasta di vetro grezza, mentre i più cari sono quelli formati da diversi materiali assieme (pietra naturale, metallo, vetri temprati). Il mosaico è un materiale più rifinito e costoso rispetto alla piastrella. Questo si nota anche sulla posa: l’installazione del mosaico è più lenta e costosa rispetto a quella della piastrella. Al di la del prezzo, il mosaico ha un effetto visivo migliore rispetto alla semplice piastrella

Se devi effettuare dei lavori in casa, compresa la ristrutturazione bagno completa da arricchire con un mosaico o una piastrella pre-incisa, Artigiano Casa Tua è qui per farti avvicinare al miglior professionista per la tua esigenza nella Provincia di Trento, basta compilare il form e verrete subito contattati per un sopralluogo ed un preventivo gratuito.

Volete saperne un po’ di più sui mosaici continuate nella lettura!

 

 

Vediamo assieme i tipi più comuni di mosaico.

1. MOSAICO VETROSO

Formato da vetro, in varie finiture e spessori, ha bisogno di collanti ultra-bianchi che non alterano la colorazione del cristallo.
L’utilizzo di un collante grigio, per la rifrazione della luce, renderebbe scuro il trasparente del cristallo. Il vetro è un materiale amorfo e quindi poroso. Tale caratteristica potrebbe far insorgere problematiche sia in fase di posa, che nel post-posa.
Si consiglia perciò la protezione con prodotti specifici per superfici lucide (FILA MP90).
Questi prodotti hanno la particolarità di saturare e proteggere le porosità del cristallo. Possono essere puliti con prodotti neutri, smacchiatori oppure prodotti acidi.

 

2. MOSAICI IN PIETRA NATURALE

Composti da elementi naturali, come ardesie, marmi, quarziti, pietre di fiume, graniti, dolomie ecc.
É un materiale molto pregiato, leggermente costoso e poroso rispetto al vetro.
Si consiglia di proteggerlo soprattutto se messo interno a locali umidi, in particolare la doccia.
L’utilizzo di prodotti professionali per la protezione (FILA MATT per donare effetto naturale o FILA STONEPLUS per donare effetto totalizzante oppure FILA HYDROREP se voglio solo proteggere il materiale dall’acqua) risolvono molte problematiche riferite alla pulizia post-posa
Per la pulizia si sconsiglia l’utilizzo di prodotti acidi che potrebbero talvolta opacizzare la pietra.

 

3.MOSAICO IN MATERIALE METALLICO

Composti da materiale metallico quale alluminio, acciaio inox, rame, ottone, bronzo ecc. Quando di materiale metallico di per se hanno già degli strati di protezione per non alterare il loro cromatismo e le loro caratteristiche tecniche. Tali materiali sono molto di tendenza nel 2017 e danno un tocco molto moderno al nostro bagno.
Per la pulizia si sconsiglia di usare prodotti troppo acidi che favoriscono un ossidazione più rapida.

 

4. MOSAICI IN LEGNO

Tipo di mosaico naturale e materiale trattato a livello industriale. Si sconsiglia l’applicazione in ambienti troppo umidi e con umidità persistente nel tempo. Anche se trattati i mosaici in legno dilatano con l’umidità rovinandosi anche talvolta irreparabilmente.
Per la protezione si consigliano protettivi professionali per legno: in base alla tipologia di legno usato si trova il prodotto migliore per la protezione.
Da utilizzare nella pulizia solo prodotti neutri per legno.

 

5. MOSAICO IN PIASTRELLE

Sono i più resistenti tra tutti quelli descritti sopra. Hanno caratteristiche di impermeabilità, resistenza e simulano molto bene effetti legno, pietra, o marmo in maniera molto minuziosa.
Non necessitano di particolare cura e protezione in quanto di per se sono già molto resistenti.
La pulizia quotidiana può essere anche con acqua, ma se si vuole si possono usare anche prodotti acidi o sgrassatori basici.

 

6. MOSAICO MISTI

Materiale composito tra quelli sopra indicati. Ci sono molti abbinamenti di vetro e metallo,  pietra o inserti in pietra e materiali metallici;

 

I fogli di mosaico sono di dimensione 30×30 con una retina sottostante che tiene assemblati tutti i tassellini dei mosaici. Ciò permette di avere uno scarto minimo e riuscire a riutilizzare anche i singoli pezzi avanzati. La rete si taglia con un semplice taglierino. La provenienza dei mosaici è varia. Nella maggior parte dei casi i mosaici in piastrella hanno provenienza prevalentemente italiana, mentre la maggior parte dei vetrosi e quelli in pietra naturale sono importati, forse per mantenere bassi i costi di fabbricazione.

Si consiglia di proteggere i mosaici in pietra e le sue fughe con un protettivo idrorepellente, tra i quali l’ottimo Fila MP90 o il Fila Hydrorep.
Molto importanti sono le fughe, soprattutto nel caso dei rivestimenti in mosaico per interni doccia, che è preferibile se vengono realizzate con un fugante epossidico, molto più resistente, non assorbente e inattaccabile dagli agenti acidi che possono riportarlo in pochi attimi allo splendore iniziale.

 

DI SEGUITO UNA PICCOLA GUIDA AL MONTAGGIO DEI MOSAICI

 

 

PER LA POSA DI MOSAICO A TRENTO…

Se non sapete a chi affidare i vostri lavori di ristrutturazione oggi c’è ARTIGIANO CASA TUA, richiedi subito un sopralluogo ed un preventivo gratuito per la posa di MOSAICI a Trento e scopri il miglior rapporto qualità prezzo che riusciamo a garantirti grazie alla nostra vasta rete di professionisti locali.